Il vento salato sollevava in spruzzi la spuma creata dalla prua e gli dava il solletico.
L’odore salato di quel mare azzurro gli allargava il cuore e lo riempiva di gioia.
Virò trascinando la sua rete da pesca e lanciò con la sirena due fischi di saluto alle barche vicine.
Lui era nato là.
Era stato varato nel piccolo porto dove gli avevano dato un nome importante per un piccolo peschereccio: Oceano!

Così inizia la favola vincitrice del 49° Premio H.C. Andersen Baia delle Favole 2016 (Maria Adelaide Faccenda)

Condividi questa paginaShare on Facebook0Tweet about this on Twitter0Share on Google+0Pin on Pinterest0